Amphisculpture, L'Aquila - Beverly Pepper
15027
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-15027,bridge-core-1.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1400,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-beverly pepper,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive
 

Amphisculpture, L’Aquila

Inaugurato il 23 settembre 2018 Amphisculpture è uno dei più importanti progetti di land art mai realizzati dall’artista statunitense in Italia

Un teatro all’aperto di 3000 mq, 1800 posti a sedere, il più grande del centro-sud Italia, creato e donato da Beverly Pepper alla città di L’Aquila, progettato per essere costruito all’interno delle pendici del Parco del Sole, di fronte all’ingresso della Basilica di Collemaggio.

“Sono onorata di essere stato chiamata a dare il mio contributo artistico a questa bellissima città.
Quando mi è stato proposto il progetto, ho approfittato per una visita a L’Aquila e sono rimasta sbalordito dalla bellezza dell’architettura e del paesaggio, che mi ha ispirato molto durante la progettazione di Amphisculpture.
L’Abruzzo vanta una solida tradizione teatrale e L’Aquila è la sede del Teatro Stabile, una compagnia gestita negli anni passati da grandi registi, attori e sceneggiatori. Fino al 2009, l’industria teatrale dell’Aquila aveva una delle più alte percentuali di spettatori in tutta Italia, il che suggerisce quanto gli Abruzzesi apprezzino e amino il teatro. Questa città ospita anche un’importante Università, che la arricchisce culturalmente ma la riempie anche di giovani provenienti da tutta Italia ed Europa. Ho sempre tenuto presente queste preziose qualità di questa città durante la progettazione e la creazione dell’anfiteatro.

Il terremoto che ha colpito la regione Abruzzo il 6 aprile 2009 ha causato la caduta del territorio in un grave stato di emergenza, non solo umano e strutturale, ma anche sociale. Per emergenza “sociale” intendo la necessità di consentire alle persone di vivere di nuovo la loro città e il loro territorio, spingendole ad andare all’aperto, negli spazi pubblici, insieme, per una vita sociale sana a cui ogni cittadino ha diritto. Creando un luogo di arte, teatro, cultura, spettacolo e bellezza ambientale, spero di contribuire a risolvere questa emergenza sociale.
Ho concepito la mia “anfiscultura” come un punto d’incontro, un luogo da condividere, studenti e cittadini dell’Aquila insieme. Una scultura ambientale che le persone non guarderanno solamente marinamente, ma vivranno tutto l’anno, in ogni stagione.

Ispirato agli splendidi pavimenti in pietra della Basilica di Santa Maria di Collemaggio, ho deciso di utilizzare la pietra delle cave locali per il teatro, in armonia con il territorio. Tenendo presente quanto possono essere freddi gli inverni abruzzesi, il palcoscenico è progettato per diventare una pista di pattinaggio sul ghiaccio. Vorrei che la scultura partecipasse alla vita quotidiana delle persone e sono onorata di essere il suo creatore”.

Gli aspetti pratici della scultura di Pepper la caratterizzano come un’opera pubblica destinata ad essere utilizzata dalla comunità da un punto di vista ideologico, estetico e pratico. Amphisculpture è uno spazio abitativo, un teatro universale che accoglie chi vorrà entrare e che celebra lo spettacolo senza tempo della natura.

Luogo

Parco del Sole - L'Aquila

Data

Inaugurazione 23/09/2018

Category
in evidenza